Metodologia

Selezione

Mostrare tutti i contributi

A   B  C   D   E   F   G   H  I   J  K  L   M   N   O   P   Q  R   S   T   U   V   W   X  Y  Z 


Raggruppare e classificare  (Citazione)

Le categorie che possono essere selezionate nella ''carta interattiva'' mostrano già numerose espressioni linguistiche. Così, la ricerca del ''concetto'' BURRO dà, per esempio, un risultato di 1748 attestazioni. Per questo, la piattaforma permette di raggruppare e classificare tutte le espressioni rilevanti secondo criteri diversi: cfr. concetto BURRO

Una selezione secondo tipi di base illustra le aree di diffusione che superano i confini di lingua. Ecco un esempio del tipo romanzo butyru(m) nell'area germanofona, e il tipo tecesco Schmalz nell'area romanza: Cfr. Carta

Un'opzione corrispondente esiste anche per la ricerca di tipi morfo-lessicali; la classificazione secondo il criterio ''concetto'' è interessante indipendentemente dall'area linguistica considerata, perché mostra la polisemia di ogni espressione (cfr. tipo morfo-lessicale malga).

Come risultato vengono visualizzati i significati seguenti, tra di loro in relazione chiaramente metonimica: Cfr. Carta Polisemia del tipo morfo-lessicale.



(auct. Thomas Krefeld – trad. Susanne Oberholzer)

Tags: Pagina Web



Referente  (Citazione)

Nel triangolo delle categorie linguistiche "denominazione" – "concetto" – "referente", categorie che rimandano le une alle altre, il referente indica la fondatezza di un concetto che, per sua natura, è, invece, sempre astratto. In altre parole, il referente indica una cosa concreta, individuale. I referenti che appaiono nei materiali trattati da VerbaAlpina permettono per lo più la rappresentazione figurata come disegno oppure fotografia. Rispetto alle denominazioni e ai concetti, i referenti sono per VerbaAlpina d'importanza secondaria. Alcune rappresentazioni dei referenti, il più delle volte fotografie, saranno impiegate soprattutto nell'ambito del crowdsourcing come 'ausili' per rendere i referenti più facilmente comprensibili per gli informanti, visto che le descrizioni dei concetti risultano, a volte, necessariamente complicate.

(auct. Stephan Lücke – trad. Susanne Oberholzer)

Tags: Linguistica



Regole di trascrizione  (Citazione)


Caratteri di base


Carattere Descrizione Beta Code Commento
α
Greek alphaa1
ɒ
mirror-inverted aa2
æ
ligature aea3
β
Greek betab1
ƀ
crossed out bb2
χ
Greek Chic1
ҁ
sign for glottis closurec2
c
crossed out cc3
ɕ
c4
δ
Greek deltad1
đ
crossed out dd2
ð
ethd3
ə
schwae1
tick to the left of the ee2
ε
Greek epsilone3
φ
Greek Phif1
ƒ
labiodental fortisf2
ɣ
Greek gammag1
open g on the rightg2
g with bottom lineg3
ʔ
glottal beatg4
ɥ
h1
i with slanted linei1
ı
i without doti2
ɨ
i with horizontal linei3
ɪ
i4
ɟ
j1
ł
crossed out ll1
l with strongly curved linel2
l with two curved linesl3
λ
Lambdal4
ʎ
l5
ɱ
m1
ɳ
sign for velar "n" (German: kling)n1
ŋ
velar nasalsn2
ɲ
n3
œ
ligature oeo1
ɔ
open o on the lefto2
ơ
o with tick at the upper right margino3
ǫ
o with ogoneko4
ø
o with diagonal lineo5
ω
Greek omegao6
π
the number Pip1
þ
thornp2
q with horizontal lineq1
ʀ
Upper case letter R at the height of a lower case letterr1
ɹ
r2
ɾ
r3
ʃ
Eshs1
s with diagonal stroke lefts2
ʂ
s3
ϑ
Greek thetat1
Stronger curved uu1
ʊ
u2
ʒ
Ezhz1
ʑ
z2

Diacritici


Carattere Descrizione Beta Code Commento Esempio
dot under base character?s?
ė
dot above base character?1e?1
ä
two dots above base character:a:
two dots under base character:1u:1
tick open to the right under base character(o(
two ticks open to the right under base character(1e(1
semicircle open to the left (spiritus lenis) above base character)r)
semicircle open to the left under base character)1o)1
ç
cedilla)2c(2
ó
acute on base character/o/
double acute on base character/2o/2
à
gravis on base character</td>a</td>
double gravis on base character\2a\2
gravis with dot at the upper end on base character\3u\3
ā
horizontal line above base character-minus sign -a-
ā̄
two horizontal lines above base character-2minus sign -a-2
horizontal line under base character_underscore_n_
Double horizontal line under base character_1n_1
tilde ABOVE base character~e~
stronger curved tilde ABOVE base character~1
tilde UNDER base character+e+
semicircle opened to the TOP ABOVE base character!a!
semicircle opened to the BOTTOM ABOVE base character%a%
semicircle opened to the BOTTOM UNDER base character@a@
semicircle opened to the TOP UNDER base character@1k@1
circle ABOVE base character|u|
circle UNDER base character&s&
vertical line under base character$e$
hacek^g^
ĝ
circumflex^1g^1
"circumflex" under base character^2o^2
"hacek" under base character^3d^3
u
infinity symbol above base character"u"
"greater-than symbol" above base character>n>
cross under base character*a*
cross above base sign*1a*1
g’
apostrophe after base character'on the #-keyg'
inverted apostrophe after base character'1on the #-keya'1
elevated vertical line after base character'2on the #-keyg'2
tick after base character=k=
superscript number after base character\<n>0mask number with \ and put 0 after itc\20
IPA length character:2a:2
half IPA length character:3a:3
ᵃb
base character above the baseline0a0b
base character on the baseline, smaller than all other characters8n8d
ᵢn
base character below the baseline9i9n
upper or lower diacritics in brackets[<d>]Diacritic in brackets between square bracketsu[:] bzw. e[?]
base character above base character{<z>}elevated base character between bracesa{o}
base character below base character{1<z>}a{1o}

Caratteri particolari

In linea di principio, questi caratteri rappresentano caratteri di base, ma non possono essere completati con diacritici.

Carattere Descrizione Beta Code Esempio
·e̜kọ́ɳ
A dot, before or after the base character. Higher than the baseline..1.1e(ko?/n1

Spazi particolari
(In questa tabella, gli spazi normali sono rappresentati dal simbolo ␣)

Carattere Descrizione Beta Code Esempio
w‿d
blank with curve{␣}w{␣}d


(auct. Stephan Lücke | Florian Zacherl)

Tags: Tecnologia dell'informazione



Repositories  (Citazione)

Il termine 'repository' non è stato finora definito in maniera sufficientemente chiara; soprattutto la delimitazione al termine 'archivio' risulta essere ancora poco intelligibile. Di norma, con il termine repository ci si riferisce al mondo digitale dei sistemi di memoria che mirano alla preservazione dei dati a lungo termine. Nell'ambito scientifico, i repositories vengono condotti per lo più da istituzioni di diritto pubblico. I dati che devono essere preservati sono in prevalenza dati di ricerca. Le proprietà più importanti di un repositorio sono la sicurezza fisica dei dati da conservare, così come la conservazione della loro integrità; e, ancora, l'esistenza illimitata dell'istituzione che conduce il repository, la documentazione del contenuto, della struttura e della codifica dei dati memorizzati così come la loro disponibilità indipendentemente dal tempo e dal luogo. Dal punto di vista delle scienze umane, un ruolo particolarmente importante spetta, in questo momento (2016) e per quanto riguarda la Germnia, all'unione Clarin-D e al Textgrid-Repositorium.

VerbaAlpina cerca di deporre ogni versione VA in uno o più repositories.

(auct. Stephan Lücke – trad. Susanne Oberholzer)

Tags: Pagina Web



Retoromancio  (Citazione)

In linea con la Costituzione federale della Confederazione Svizzera, il termine tedesco ''Rätoromanisch'' (versione italiana della Costituzione: 'romancio') viene utilizzato nell'ambito di VerbaAlpina per indicare le varietà romanze del Cantone dei Grigioni, le quali, tradizionalmente, non vengono considerate italiane (cfr. Gross 2004 e Liver 2010). Con questo non si vuole, tuttavia, affermare in nessun caso l'unione di tale romancio grigionese con il ladino delle Dolomiti ed il friulano, nel senso di una 'lingua' comune; proprio per questo concetto – oggi non più accettabile – venne coniata l'espressione 'retoromancio' dalla linguistica nell'Ottocento. Fu Graziadio Isaia Ascoli a sviluppare quest'idea, dando la denominazione in italiano di 'ladino'.

(auct. Thomas Krefeld – trad. Susanne Oberholzer)

Tags: Linguistica